Sintomi dell'asma

Sebbene i sintomi dell’asma possano differire per tipo e gravità da persona a persona e possano cambiare al passare degli anni, quelli più comunemente riportati dai pazienti sono:

  • Difficoltà respiratoria. Detta anche dispnea, è la cosiddetta “fame d’aria”: può verificarsi solo una volta ogni tanto o in maniera più frequente.
  • Respiro sibilante. In lingua inglese wheezing, è il cosiddetto "fischio”. In molti casi, si può presentare durante o dopo un’attività fisica o quando si è raffreddati.
  • Senso di costrizione al torace. Una sensazione di peso sul petto è molto comune fra gli asmatici, soprattutto durante la stagione fredda o l’esercizio fisico. Tale evenienza può essere interpretata a volte come un segno premonitore di un attacco d’asma. Va sottolineato come questo sintomo possa essere comune a patologie cardiache.
  • Tosse secca.

Sintomi dell'asma

La gravità e la frequenza dei sintomi di asma possono variare a seconda del grado di controllo dell’asma e dell'esposizione a fattori scatenanti. Gli esperti ritengono che nella maggior parte dei casi un'asma non ben controllata, ossia quella che più volte durante l'anno richiede un intervento medico anche d'urgenza in ospedale, sia dovuta a una mancata aderenza alle terapie prescritte.

Ha una particolare importanza la capacità del paziente di cogliere i segni premonitori di un attacco d’asma o comunque di riconoscere i sintomi,che precedono in genere gli attacchi particolarmente intensi. Ogni asmatico deve quindi essere seguito con una strategia terapeutica personalizzata, che tenga conto della gravità della malattia e del grado di risposta della stessa ai trattamenti farmacologici, in generale molto buona. Il paziente dovrebbe seguire attentamente il decorso della malattia e riportare al proprio medico di fiducia eventuali peggioramenti, ai quali si risponderà con un tempestivo adeguamento della terapia. Va però sottolineato però che, come per molte altre patologie, "prevenire è meglio che curare"; certo che in caso di peggioramento "acuto" andranno attuati dei piani clinico/terapeutici, ma la cosa migliore è utilizzare con continuità un trattamento efficace a prevenire le fluttuazioni della malattia.

Ultimo aggiornamento: luglio 2016

Riferimenti in letteratura

  1. Ncbi, National Center for Biotechnology Information, 2007 "Asthma" - http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1853223/
  2. CH Fanta. Asthma. N Engl .1 Med 2009; 360:1002
Professionisti salute