La riacutizzazione dell'asma

La riacutizzazione asmatica è un evento acuto che si manifesta in modo inaspettato ove le principali cause possono essere rappresentate da:

  • una infezione delle vie respiratorie
  • una scarsa aderenza alla terapia inalatoria
  • un utilizzo scorretto dei device inalatori
  • una irritazione da agenti atmosferici come gli allergeni o lo smog, lo stress, alcuni farmaci, stimoli fisici come gli sbalzi di temperatura, lo sforzo fisico intenso.

Dal punto di vista clinico i sintomi principali sono rappresentati da:

  • tosse insistente e persistente
  • mancanza di respiro (dispnea) acuta ed intensa,
  • sibilo
  • sensazione di costrizione toracica.

Accanto a questi sintomi si può associare astenia con stanchezza ed impossibilità a svolgere le proprie attività. Tutti questi sintomi possono associarsi, nei casi più gravi, ad una ridotta ossigenazione che rende ancor più urgente il ricorso alle cure mediche.

Ecco quindi, che la cosa fondamentale è tentare di rimanere calmi, anche se può risultare difficile, ed assumere un farmaco inalatorio broncodilatatore a pronta azione in modo da ridurre il broncospasmo (cioè la chiusura dei bronchi). Comunque  è fondamentale recarsi dal proprio Medico o, nei casi più severi, in Pronto Soccorso.

Per limitare le crisi asmatiche

Per evitare le crisi asmatiche:

  • bisogna assumere regolarmente ed in modo corretto la terapia inalatoria prescritta dal medico;
  • avere ricevuto una corretta diagnosi specialistica di asma bronchiale in modo da conoscere quali sono i fattori che possono scatenare un attacco d’asma;
  • conoscere i sintomi principali che caratterizzano una crisi asmatica sono: dispnea (mancanza di respiro), sibilo (fischio), tosse insistente e persistente, senso di costrizione toracica;
  • sapere cosa fare in caso di emergenza: se possibile mantenere la calma, utilizzare un broncodilatatore a pronta azione, recarsi dal Medico o in Pronto Soccorso.

Ultimo aggiornamento: luglio 2018

Riferimenti in letteratura

  1. Global Initiative for Asthma. Global Strategy for Asthma Management and Prevention, 2017. Disponibile sul sito web: www.ginasthma.org.
  2. Moore WC, Meyers DA, Wenzel SE, et al. Identification of asthma phenotypes using cluster analysis in the SevereAsthma Research Program. Am J Respir Crit Care Med 2010;181:315-23.
  3. Taylor DR, Bateman ED, Boulet LP, et al. A new perspective on concepts of asthma severity and control. Eur Respir J 2008;32:545-54.
  4. Meltzer EO, Busse WW, Wenzel SE, et al. Use of the Asthma Control Questionnaire to predict future risk of asthma exacerbation. J Allergy Clin Immunol 2011;127:167-72.
  5. Patel M, Pilcher J, Reddel HK, et al. Metrics of salbutamol use as predictors of future adverse outcomes in asthma. Clin Exp Allergy 2013;43:1144-51.
  6. Osborne ML, Pedula KL, O’Hollaren M, et al. Assessing future need for acute care in adult asthmatics: the Profile of Asthma Risk Study: a prospective health maintenance organization-based study. Chest 2007;132:1151-61.
Professionisti salute